L’uso degli antibiotici per le infezioni dentali: miti e verità

Gli antibiotici hanno rivoluzionato la medicina, fornendo un mezzo essenziale per combattere una vasta gamma di infezioni che un tempo erano considerate fatali. Nonostante il loro indiscusso valore, l’uso degli antibiotici, soprattutto in odontoiatria, è spesso oggetto di numerosi miti e malintesi. In odontoiatria, dove le infezioni possono variare da lievi a potenzialmente pericolose per la vita, è importante comprendere l’uso corretto di questi potenti farmaci.

Le infezioni dentali sono tra i motivi più comuni di visita dal dentista e il loro trattamento non è sempre semplice. Dalla decisione su quando gli antibiotici sono veramente necessari alla gestione delle aspettative dei pazienti che spesso richiedono una “soluzione rapida”, i dentisti affrontano sfide complesse. L’obiettivo di questo articolo non è solo chiarire quando l’uso degli antibiotici è giustificato, ma anche educare i pazienti sull’uso responsabile degli antibiotici, con l’obiettivo di ridurre il rischio inutile di resistenza agli antibiotici, un problema di salute pubblica globale.

Di seguito esamineremo in dettaglio le diverse situazioni in cui gli antibiotici sono necessari nel trattamento delle infezioni dentali, ma discuteremo anche dei miti comuni che possono portare al loro uso eccessivo o inadeguato. In questo modo, questo articolo cerca di fornire una visione completa della gestione corretta delle infezioni dentali con l’aiuto degli antibiotici, bilanciando le esigenze mediche e le raccomandazioni di salute pubblica.

Cosa sono gli antibiotici?

Gli antibiotici sono un tipo di farmaci utilizzati per prevenire e trattare le infezioni batteriche. Possono uccidere i batteri o impedirne la crescita e la riproduzione. È importante notare che gli antibiotici NON funzionano contro le infezioni virali, come il raffreddore o l’influenza, ma solo contro le infezioni batteriche.

Come funzionano gli antibiotici?

Gli antibiotic funzionano in vari modi per sopprimere i batteri. Molti antibiotici, come la penicillina, impediscono ai batteri di costruire la parete cellulare, che è essenziale per la loro sopravvivenza. Senza parete cellulare, le cellule batteriche non possono sopravvivere o riprodursi, il che porta alla loro distruzione. Altri antibiotici, come le tetracicline e i macrolidi, bersagliano i ribosomi delle cellule batteriche, che sono cruciali per la produzione di proteine. Interrompendo la produzione di proteine, gli antibiotici impediscono ai batteri di svolgere funzioni vitali necessarie per la loro crescita e riproduzione. L’obiettivo finale di tutti gli antibiotici sul mercato è uccidere i batteri e quindi fermare l’infezione batterica.

Quali sono i lati negativi dell'assunzione di antibiotici?

Una delle conseguenze più gravi dell’abuso di antibiotici è lo sviluppo della resistenza. Quando gli antibiotici non vengono usati correttamente, i batteri possono sviluppare meccanismi che consentono loro di sopravvivere e diffondersi nonostante la presenza di antibiotici. Questo porta a situazioni in cui gli antibiotici comuni diventano inefficaci contro alcuni ceppi batterici, rendendo le infezioni più difficili da trattare e aumentando il rischio di complicazioni e mortalità. La resistenza agli antibiotici è un problema crescente, poiché il numero di antibiotici efficaci disponibili per le generazioni future diminuisce. Ciò potrebbe portare a situazioni in cui anche le infezioni comuni o le procedure mediche standard comportano rischi significativamente maggiori.

Un altro problema è che gli antibiotici non scelgono quale batterio distruggere; possono uccidere anche i batteri benefici che vivono nel corpo, specialmente nell’intestino. Questo squilibra la sana diversità dei microrganismi (microbioma), portando a problemi digestivi, maggiore suscettibilità alle infezioni e, potenzialmente, problemi di salute a lungo termine come malattie infiammatorie intestinali o persino obesità.

Cosa sono le infezioni dentali e come si formano?

Le infezioni dentali, note anche come infezioni odontogene, si verificano quando i batteri penetrano nel dente o nei tessuti circostanti, causando infiammazione e spesso dolore. Il processo di formazione delle infezioni dentali di solito coinvolge diversi passaggi e può essere il risultato di vari fattori. Ecco come tipicamente si formano le infezioni dentali:

Sviluppo della carie Tutto inizia quando il cibo, soprattutto zuccheri e amidi, rimane sui denti. I batteri che vivono nella bocca si nutrono di questi residui alimentari, producendo acidi come sottoprodotto. Questi acidi distruggono lo smalto dei denti, portando alla formazione della carie. La carie non è altro che una cavità nel dente che permette ai batteri di penetrare più a fondo nel dente.

Infezione della polpa dentale Quando i batteri penetrano attraverso lo smalto, possono raggiungere la polpa dentale, il centro molle del dente che contiene nervi, vasi sanguigni e tessuto connettivo. L’infezione della polpa dentale causa pulpite, che può essere estremamente dolorosa e può portare alla diffusione dell’infezione.

Formazione di ascessi Se l’infezione non viene trattata, può diffondersi dalla polpa alla radice del dente e all’osso circostante. Questo può portare alla formazione di un ascesso dentale, che è un accumulo di pus causato dall’infezione. L’ascesso può essere estremamente doloroso e richiede un intervento odontoiatrico urgente.

Diffusione dell’infezione Nei casi avanzati, l’infezione può diffondersi ai tessuti circostanti, comprese le ossa, i muscoli e altre parti del viso o del collo. In rari casi, l’infezione può entrare nel flusso sanguigno e diffondersi ad altre parti del corpo, il che può essere pericoloso per la vita.

Quali sono i miti più comuni e quali sono le verità riguardanti l'uso degli antibiotici?

Mito 1: Gli antibiotici sono la soluzione per tutti i problemi dentali Verità: Gli antibiotici non sono sempre necessari per trattare i problemi dentali. Sono efficaci nel combattere le infezioni batteriche, ma non possono risolvere problemi che richiedono interventi meccanici, come l’estrazione del dente, la pulizia del canale radicolare o la rimozione del tartaro dentale.

Mito 2: Gli antibiotici alleviano immediatamente il dolore Verità: Sebbene gli antibiotici possano aiutare a ridurre l’infiammazione e combattere l’infezione, non agiscono immediatamente e non alleviano direttamente il dolore. Gli analgesici sono spesso necessari per gestire il dolore nelle fasi acute dell’infezione dentale.

Mito 3: Non esiste rischio di uso eccessivo di antibiotici Verità: L’uso ingiustificato o eccessivo di antibiotici può portare allo sviluppo di resistenza nei batteri, rendendoli meno efficaci contro le infezioni future. Pertanto, è fondamentale usare gli antibiotici solo quando strettamente indicato.

Quando è giustificato l'uso degli antibiotici?

Se si verifica un’infezione dentale, la regola generale per l’uso degli antibiotici è che sono necessari solo quando c’è una chiara infezione batterica dimostrata che non può essere adeguatamente controllata con interventi locali come la pulizia del canale del dente o la rimozione del dente infetto. I casi in cui è necessario usare antibiotici sono:

Ascessi e infezioni profonde Per trattare infezioni batteriche profonde, come gli ascessi, che non possono essere immediatamente risanati meccanicamente, gli antibiotici possono essere necessari per sopprimere l’infezione.

Alto rischio di diffusione dell’infezione Nei casi in cui esiste un alto rischio di diffusione dell’infezione ai tessuti circostanti o nel flusso sanguigno (sepsi), l’uso degli antibiotici è cruciale per prevenire gravi complicazioni di salute.

Pazienti immunocompromessi I pazienti con sistema immunitario indebolito, come quelli che stanno attraversando la chemioterapia o vivono con l’HIV, possono richiedere antibiotici anche per infezioni dentali minori a causa del maggiore rischio di complicazioni.

Gli antibiotici sono davvero un farmaco fantastico che in poco tempo può aiutare il paziente e l’uso degli antibiotici nel trattamento delle infezioni dentali è in alcuni casi completamente giustificato, ma è fondamentale comprendere i loro limiti e potenziali rischi. Ciò su cui vogliamo particolarmente richiamare l’attenzione è l’abuso degli antibiotici, che può causare problemi molto più grandi di quanto si possa pensare. Gli antibiotici per le infezioni dentali dovrebbero essere usati solo nel modo prescritto dal dentista e, se restano delle compresse, non devono mai essere usate per l’automedicazione o acquistate autonomamente senza prescrizione. Se avete un’infezione dentale, il vostro dentista è la persona che meglio potrà valutare se è necessario includere antibiotici nel trattamento, quindi consultate il vostro dentista e seguite le istruzioni per i farmaci per risolvere l’infiammazione il più rapidamente possibile.

 



Dr. Paravić prima rezervacije za zahvate početkom 2023. u Smile Studio ordinaciji.

Rezerviraj svoje besplatne konzultacije ili termin u razdoblju od 21. do 24. svibnja već danas!