Parodontologia | Smile Studio
17218
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-17218,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

PARODONTOLOGIA

La prevenzione e il trattamento delle malattie dei denti e della gengiva sono parte importante dell’odontoiatria che al primo posto pone sempre la salute dei vostri denti naturali e senza cui non è possibile immaginare di avere un trattamento conservativo-protetico di successo. La prevenzione e il trattamento includono una varietà di terapie – le istruzioni per la manutezione dell`igiene orale, la rimozione del tartaro e fino agli interventi chirurgici. Non dimenticate che per la salute dei denti potete fare molto prima che li perdiate!
Malattie dentali e della gengiva

La malattia parodontale (parodontite), o malattia della gengiva, dell’osso mascellare e dei relativi legamenti, è dopo la carie la  malattia più diffusa nel  mondo moderno! La causa più comune della malattia parodontale è la placca (biofilm) che contiene diverse centinaia di varie specie di batteri. Se non si mantiene regolarmente l’igiene orale, la placca si mineralizza e da essa si forma il tartaro.

L’azione dei batteri dalla placca e dal tartaro portano all’infiammazione delle gengive che viene chiamata gengivite. Questa è caratterizzata dalle gengive gonfie che sanguinano. Probabilmente vi è capitato di vedere la sangue sullo spazzolino. Quello è stato il primo segno dei problemi con le gengive. Il sanguinamento non deve essere forte, molto spesso può anche mancare (per esempio nei fumatori) il che ci fa pensare che non abbiamo problemi parodontali.

Se la gengivite non viene curata i batteri continuano a svilupparsi nelle parti più profonde che sostengono il dente fino a causare la parodontite, cioè l`infiammazione dell`osso e dei legamenti. Il corso di quest’infezione è generalmente lento, senza sintomi per il paziente, come il dolore o il gonfiore, ma se non viene trattata può portare fino alla perdita parziale o totale delle strutture di sostegno dei denti. Il risultato finale sono i denti smossi, ma anche la loro perdita.

Quanto comune è la malattia parodontale?

Il 75% di tutti gli adulti, senza distinzione di razza e dello stato socio-economico, sono affetti dalla parodontite. La parodontite è la causa più comune della perdita dei denti negli adulti. Esiste una correlazione con le malattie generali, es. diabete, malattie cardiovascolari e polmonari, nonché con una predisposizione genetica.

Come so se ho la parodontite?

La maggior parte delle persone non sa che ha la parodontite e che per questo esistono per gli specialisti parodontologi. La parodontite spesso rimane inosservata a causa di pochi sintomi visibili. Se avete qualcuno in famiglia con la diagnosi paradontologica, dovreste fare una visita nello studio, perché la componente genetica ha un ruolo importante nella diffusione della malattia.

 Quali sono i sintomi della malattia parodontale?

Nella fase iniziale della malattia parodontale o gengivite è presente (ma non necessariamente) il sanguinamento delle gengive, del minimo gonfiore, arrossamento e un po`di dolore, mentre nelle fasi successive avviene il ritiro delle gengive, secreto e materia che fuoriescono dalle gengive, cambiamento della posizione dei denti, aumento dei spazi interdentali e mobilità dentale, fino ad arrivare alla perdita dei denti.

Come viene diagnosticata la parodontite?

Per la diagnosi della parodontite è neccesario fare una radiografia diagnostica. Per una prima valutazione si misurano le tasche parodontali il che dura 2-3 minuti. Se viene stabilita la gengivite o la parodontite, si raccomanda di fare un’esame parodontale completo, dopo il quale si determina il tipo di terapia e se basterà solo una pulizia professionale o sarà neccesario uno specifico trattamento della parodontite.

Il trattamento della malattia parodontale (parodontite)

La terapia iniziale consiste nel rimuovere la placca e il tartaro ed educare il paziente su una corretta e regolare manutenzione dell’igiene orale. Se purtroppo si è già verificata un’estesa distruzione ossea e di conseguenza i denti sono smossi, suggeriremo vari metodi della chirurgia orale per recuperare l`osso perduto e provare a prevenire la perdita dei denti.

Dopo la terapia parodontale devo regolarmente visitare lo studio?

Avvenuta la terapia della parodontite, si arriva fino all’ultima fase, quella di tutta la vita, la fase del  mantenimento. Purtroppo, questa fase viene spesso trascurata. La fase della manutenzione neccesita di un regolare sistema di controlli del paziente che devono essere adattati individualmente. Le visite sono normalmente 2-4 volte all’anno e la frequenza dei controlli dipende dall’attività della malattia e dalla manutenzione dell’igiene orale del paziente.

Quale influenza ha la gravidanza sulla malattia parodontale?

Durante la gravidanza c’è una maggiore tendenza verso l`infiammazione della gengiva (gengivite). Parliamo del 60-75% delle donne in gravidanza nelle quali si verifica la diagnosi della gengivite, da cui arriva il termine “gengivite di gravidanza” . La causa è una cambiata condizione ormonale, cioè l’aumento della concentrazione di estrogene e di progesterone. Le elevate concentrazioni di questi ormoni aumentano l`infiammazione della gengiva in reazione ai batteri della placca dentale. È per questo che le donne incinte dovrebbero prestare particolare attenzione alla salute orale.

Influisce il fumo sulla malattia parodontale?

Il sanguinamento è il primo segno dell`infiammazione delle gengive, mentre nei fumatori questo sintomo è spesso assente e perciò loro arrivano dal dentista in ritardo (il fumo apporta un rischio 7 volte maggiore di parodontite).

Quante volte al giorno devo lavare i denti?

Basta lavare i denti  due volte al giorno, ma in un modo efficiente, sistematico, senza oltrepassare qualche superficie del dente, in forma di massaggio delicato, quasi senza pressione e con minimi movimenti circolari sul passaggio dente-gengiva, siccome è questo l’area più sensibile ai batteri e lì si trova la maggior parte dei batteri e dei resti del cibo.

Cosa usare per la manutenzione dell’igiene orale?

È molto importante la corretta scelta dello spazzolino – dovrebbe essere semplice da usare, efficace e atraumatico, senza extra “effetti speciali” sullo spazzolino i quali sono potenzialmente dannosi e certamente non sono efficaci. La parte più importante dello spazzolino sono le sue fibre. L’ideale sarebbe avere uno spazzolino con un gran numero di fibre molto morbide (ultra morbide), collocate molto spesso, con le punte leggermente arrotondate per evitare danni alla gengiva, e allo stesso tempo ottenere i migliori risultati nel minor tempo possibile. Ogni 3 mesi è necessario sostituire lo spazzolino con uno nuovo.

Inoltre, non dobbiamo dimenticare lo spazio tra i denti, che è in realtà il posto dove si nasconde la maggior parte dei batteri, perché con lo spazzolino semplice non possiamo raggiungere questa zona a causa delle sue fibre che non possono passare attraverso questi spazi. Pertanto è necessario utilizzare una volta al giorno lo spazzolino interdentale (passa tra due denti) che è uno spazzolino con fibre spesse e morbide. È molto importante scegliere la giusta grandezza. Se abbiamo scelto la grandezza giusta, possiamo utilizzarlo solo una volta al giorno, delicatamente e lentamente spingendolo attraverso lo spazio tra i due denti e poi tirandolo fuori.

Prevenzione in primo luogo

Il fattore più importante nella prevenzione della malattia parodontale è la prevenzione. Le misure preventive sono la manutenzione di una buona igiene orale e i regolari controlli durante i quali con la rimozione del tartaro e la lucidatura delle superfici dei denti si impedisce l’accumulo di batteri, mantenendo così la salute dei denti naturali.

Quindi prendete un po` di tempo e accordate una visita allo Smile Studio – fatelo prima di aver bisogno di una terapia più complessa e costosa.

Che cosa è l’iTOP?

È l’istruzione individuale della profilassi orale (Individual Training Oral Prophylaxis iTOP) e comporta un lavoro individuale con il paziente durante il quale al paziente vengono insegnati gli tipi e le tecniche accessibili, efficienti ed atraumatiche della cura dei denti e delle gengive.

Dopo l`esame dettagliato e la determinazione dello stato di salute dei denti e del parodonto con uno strumento si misurano gli spazi interdentali e poi seguono le tecniche d`insegnamento della spazzolatura normale, interdentale e individuale (singola) dei denti e il corretto uso del filo interdentale.

Il nostro studio odontoiatrico possiede il certificato internazionale iTOP per prestare i servizi menzionati per il mantenimento della salute della bocca e dei denti, e la nostra specialista in parodontologia la dott.ssa. Miljana Mia Girottto fa parte del programma di educazione internazionale iTOP dove ha raggiunto lo status di istruttore di primo livello e istruisce con successo i dentisti di tutto il mondo.

MANDATE LA RICHIESTA O CHIAMATECI AL +385 51 678 678 o 678 679