Loader
Quali sono le cause e come eliminare l'alito cattivo | Smile Studio
24503
post-template-default,single,single-post,postid-24503,single-format-standard,bridge-core-2.5.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-24.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive
alito cattivo, neugodan zadah

Quali sono le cause e come eliminare l’alito cattivo

Cattivo odore dalla bocca (alitosi) che persiste anche dopo aver lavato i denti, tormenta ogni altra persona. Questo non è solo un problema di salute, ma influenza anche le nostre relazioni sociali. Le persone che soffrono di alitosi spesso sentono disagio e insicurezza vicino ad altre persone. La causa dell’odore cattivo può essere all’interno della cavità orale e quindi parliamo di alitosi intraorale. Se la causa si trova al di fuori della cavità orale, si tratta di un’alitosi extraorale. Di seguito, elenchiamo le cause più comuni dell’alitosi e spieghiamo cosa può aiutarci a prevenirla.

Come saprete se la causa dell’alito cattivo è nella bocca o altrove?

Quando il paziente chiude la bocca e soffia aria attraverso il naso e il dentista o il medico sente un cattivo odore, si tratta di un’alitosi extraorale. Quando il paziente soffia aria attraverso la bocca con il naso chiuso e si avverte un alito cattivo dalla bocca, si tratta di alitosi intraorale. Il dentista può aiutarvi a identificare la causa e se il problema si trova nella cavità orale, vi consiglierà una terapia appropriata.

Alitosi intraorale

Alito cattivo al mattino è infatti una conseguenza della bassa secrezione di saliva durante la notte. La saliva è necessaria per lavare la bocca e rimuovere eventuali sostanze che causano cattivi odori. L’alito cattivo al mattino scompare dopo la spazzolatura.

Bocca secca o la xerostomia possono anche essere causa di alitosi ed è causata dall’uso di vari farmaci, malattie delle ghiandole salivari o respiro costante della bocca. Se avete questo problema, il vostro dentista può prescrivere l’uso di saliva artificiale, ma è molto importante ingerire più liquidi.

Alcuni alimenti, come l’aglio, contribuiscono all’alitosi. La spazzolatura, l’uso di filo o collutorio possono mascherare un alito sgradevole, ma solo temporaneamente. Solo quando il cibo ingerito viene completamente perso dal sangue, scompare anche l’alitosi. Inoltre, le diete irregolari possono causare l’alitosi.

La scarsa igiene orale è la causa più comune di alitosi. A meno che non venga mantenuta una buona igiene orale, le particelle di cibo rimangono sui denti, sulle gengive e sulla lingua e si creano grandi quantità di batteri che, marcendo e bollendo, causano un odore molto spiacevole.

Come  risultato di scarsa igiene orale si sviluppa la malattia delle gengive che anche è causa di alitosi e cattivo sapore in bocca. Queste malattie sono causate principalmente dalla placca, una sostanza appiccicosa, incolore piena di batteri che si forma costantemente sui denti. I batteri, dal loro metabolismo, creano veleni che irritano e danneggiano le gengive. Con progressione della malattia, il danneggiamento viene trasmesso all’osso, il che può portare alla perdita del dente.


Suggerimenti per prevenire l’alitosi

L’eliminazione delle malattie della bocca e dei denti e il regolare mantenimento dell’igiene orale sono i principali fattori per la prevenzione dell’alitosi. Sono anche necessarie visite regolari dal dentista per il controllo e ablazione del tartaro. Evitate i cibi che causano l’alitosi. Lavate i denti dopo ogni pasto e ricordatevi di spazzolare anche la lingua. Su di esso sono mantenuti molti residui di cibo che causano l’alitosi. Potete anche usare il collutorio, ma solo come addizione all’igiene regolare.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail