Struttura del dente - piccolo ma molto complesso | Smile Studio
26115
post-template-default,single,single-post,postid-26115,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
Građa zuba Struttura del dente

Struttura del dente – piccolo ma molto complesso

Abbiamo deciso di spiegarvi un po’ di cosa è fatto un dente, perché la parte fondamentale della prevenzione è proprio educazione del paziente. Solo i denti sani e ben curati vi serviranno per molti anni. Per prenderlo più sul serio e comprendere meglio l’importanza di mantenere l’igiene orale, leggete di seguito sull’anatomia dei denti.

 

Parti anatomiche del dente

Da un punto di vista anatomico, il dente è composto da tre parti. Questi sono la corona, il collo e la radice del dente.

 

Corona dentale

La corona è la parte funzionale del dente visibile sopra la gengiva. Per la maggior parte è costruita da dentina ricoperta di smalto. Nel mezzo sotto la dentina è una camera pulpare riempita con la polpa dentale (vasi sanguigni e nervi).

 

Collo del dente

Il collo è un restringimento in cui si fondono la corona del dente e la radice del dente, ovvero smalto e dentina. Come la radice del dente, questa parte di solito non è visibile perché è coperta dalla mucosa orale. Tra i denti e la mucosa si trova uno spazio stretto fino a 1,5 mm di profondità chiamato tasca fisiologica.

 

La radice del dente

La radice è la parte invisibile del dente che lo sostiene e lo fissa alla mascella. La radice è attaccata all’osso mandibolare con un legamento fibroso chiamato legamento parodontale.

La maggior parte del tessuto duro della radice dentale forma la dentina, che sulla superficie è coperta da uno strato sottile del cemento. Nella parte centrale della radice, sotto il cemento e la dentina, ci sono canali radicolari. Loro sono un’estensione della camera pulpare dalla corona dentale e sono riempiti con polpa dentale.

Alla fine della radice, chiamata apice c’è un’apertura attraverso la quale passano vasi sanguigni e nervi.

Il numero di radici in un dente dipende da quale dente si tratta, quindi il dente può avere una, due o tre radici.

Struttura del dente

Quando si tratta della struttura, cioè della struttura istologica di un dente, allora si dovrebbe menzionare smalto, dentina, cemento e polpa come le parti più importanti.

 

Lo smalto dei denti

Lo smalto dei denti copre la superficie esterna della corona del dente. Le funzioni principali sono che ci permette di masticare e fornisce la protezione dei parti “sensibili” del dente come un impacco. È la parte più dura del nostro corpo, con oltre il 95% di minerali e solo il 3% di acqua. Il suo spessore varia da 2,5 a 1,3 mm. È più denso sulle parti esposte direttamente alle forze masticatorie, mentre le parti laterali sono più sottili. Il suo colore è grigio o bianco bluastro e parzialmente trasparente. Poiché lo smalto è traslucido, il colore della dentina e qualsiasi materiale di restauro sotto lo smalto, influisce significativamente sull’aspetto del dente stesso.

 

La dentina

La dentina si trova sotto lo smalto ed è di colore giallastro. È pieno di micro canali. Quando lo smalto è danneggiato, questi canali portano caldo e freddo ai denti. In quel momento, si verifica una nota sensibilità dentale. La parte minerale costituisce il 70% della sua struttura, il che indica che è più morbida dello smalto.

 

Il cemento

Il cemento dentale è un tessuto che copre la dentina nella parte radicolare del dente. Il ruolo principale del cemento nel dente è di servire come mezzo mediante che con l’aiuto di legamenti collega il dente e l’osso, cioè la mascella. Il cemento è più denso nell’area dell’apice e della ramificazione dei radici ed e permeato da un sistema di canali. Nella composizione è simile all’osso con un contenuto minerale del 45%, che lo rende più morbido dello smalto e della dentina.

Il cemento e la dentina hanno proprietà rigenerative, il che significa che si creano durante tutta la vita.

La dentina, lo smalto e il cemento sono tessuti dentali duri, a differenza della polpa che è il tessuto molle.

 

La polpa

In conversazione, la polpa dentale viene spesso definita come “il nervo”, che non è esattamente vero. In realtà, la polpa è un tessuto molle composto da vasi sanguigni e linfatici, i nervi, le fibre collagene ed elastiche e cellule del tessuto connettivo.

La funzione principale è la formazione della dentina e un ruolo nutrizionale, la fornitura di sangue e sostanze nutritive, poi ha una funzione sensoriale – registrazione della temperatura e dei fattori meccanici e chimici.

Il volume è, in media, molto piccolo di 0,02 cm cubico. Con l’età, la polpa si restringe gradualmente a causa della deposizione della dentina. Le malattie della polpa sono trattate da una branca dell’odontoiatria chiamata endodonzia.

 

Ora vedete che un dente non è solo un “dente” ma un organo molto complesso. Chi direbbe che qualcosa di così piccolo può essere così complesso? Speriamo di non aver complicato troppo. Se avete ulteriori domande sulla struttura del dente, saremo felici di rispondervi.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail