Loader
Come abitudini influiscono sulla mucosa orale? | Smile Studio
18679
post-template-default,single,single-post,postid-18679,single-format-standard,bridge-core-2.5.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-24.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Come abitudini influiscono sulla mucosa orale?

La mucosa orale ha un ruolo importante nel proteggere gli organi della cavo orale e nell’assorbimento e nel riassorbimento delle sostanze. Essa previene il metabolismo non fisiologico e stimola l’escrezione delle tossine dal corpo. Quando solo uno di questi fattori nella cavità orale è alterato o perturbato per qualsiasi motivo, sono possibili le malattie del cavità orale, di cui la più comune è la carie dentale, poi la gengivite, cioè la condizione infiammatoria delle gengive, la paradontosi, cioè la condizione infiammatoria parodontale, e molte altre malattie.

La salute della mucosa orale è influenzata da molti fattori ambientali e genetici, da microrganismi nella cavità orale, ed dall’igiene orale che è un fattore molto importante. Alcune abitudini alterano direttamente la mucosa (tramite il contatto diretto), ed alcune indirettamente attraverso meccanismi che sono comuni alla mucosa e agli altri sistemi di organi del corpo.

Una delle abitudini che influenzano sulla mucosa orale è il consumo di alimenti molto piccanti (pepe, peperoncino, aceto diluito …). Quest’abitudine provoca una sensazione di bruciore nella bocca e porta all‘infiammazione della mucosa, spesso in combinazione con l‘infiammazione della parete gastrica. Nelle forme più gravi provoca danni gravi e permanenti che portano ad un’intensa sensazione di bruciore che si verifica giorno e notte, a prescindere dal consumo del cibo o delle bevande. Questa condizione provoca una sensazione di secchezza della bocca, che è il motivo per cui la gente sa a svegliarsi durante la notte.

L’abitudine di prendere il cibo e le bevande troppo caldi (zuppe, tè …) può causare lesioni termiche sulla mucosa orale. Il godimento continuo e prolungato di alimenti e bevande caldi, in particolare quando l’uomo ci si abitua e non sente più la cottura della mucosa, causa cambiamenti nella struttura delle membrane mucose, in particolare sulla punta della lingua e sulle labbra. In primo luogo c’è una sfocatura della mucosa (di solito di nuovo sulle labbra e sulla lingua), che è il segno del suo ispessimento. Se si continua con queste abitudini, avviene l’escoriazione della mucosa, seguita dalla sensazione di dolore, bruciore e sanguinamento. La mucosa danneggiata può portare alle infezioni e anche allo sviluppo del cancro.

Le bevande alcoliche possono anche causare dei cambiamenti sulla mucosa orale. Se si godono permanentemente, gli alcoolici causano l’infiammazione della mucosa con piccoli vasi sanguigni espressi (capillari), soprattutto nel palato molle. La bevande alcoliche indirettamente hanno l’impatto su tutto il corpo e causano l’infiammazione della lingua, cioè le ulcere ricorrenti. Indirettamente la mucosa diventa più sensibile alle irritazioni locali, si rigenera più difficilmente, diventa ruvida, e c’è un rischio maggiore del carcinoma della mucosa orale.

Il caffè nero è un’altra abitudine che provoca dei cambiamenti sulla mucosa. Poiché il caffè nero è un stimolante per la mente, molte persone lo bevono regolarmente, che per necessità, che per abitudine. Alcune persone esagerano e così bevono ogni giorno grandi quantità di caffè, spesso altamente concentrato che poi provoca cambiamenti nella bocca. Il caffè contiene una certa quantità di acido caffeico, che agisce direttamente sulla mucosa. In un primo momento, si nota una leggera irritazione chimica con un rossore leggero, poi si sviluppa l’infiammazione. Sulla mucosa del palato molle spesso si possono vedere piccoli vasi sanguigni (capillari), e dalla bocca si può sentire l’odore del caffè. Sulla lingua si possono trovare delle aree completamente lisce il che è dovuto al deterioramento delle parti del mucosa della lingua.

Auttore: dott. Damir Mikšić

Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail
Tags: