Loader
Denti di latte | Smile Studio
18426
post-template-default,single,single-post,postid-18426,single-format-standard,bridge-core-2.5.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-24.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Denti di latte

Tra i genitori ci sono punti di vista estremamente opposti circa la cura dei denti di latte. Alcuni genitori pongono grande attenzione ai denti primari, si preoccupano perché al loro bambino non è ancora cresciuto un dente, mentre a quello dell’amico è, si preoccupano per la comparsa di macchie nere sui denti di latte, mentre d’altra parte si sente l’opinione che i denti di latte non sono affatto importanti e tali genitori non si preoccupano troppo dei denti del bambino a questa età.

Sono importanti i denti di latte?

Chiariamo subito se i denti di latte sono importanti e perché. I denti di latte sono molto importanti e sarebbe ideale tenerli fino alla loro caduta, cioè sostituzione con i denti permanenti. Come primo svolgono un ruolo importante nello sviluppo di entrambe le mascelle. Con la loro crescita e funzione, stimolano la crescita ossea, ma anche “mantengono” il posto per i loro successori, denti permanenti. Per queste ragioni è essenziale mantenerli.

Quando visitare per la prima volta il dentista?

È raccomandabile tra i 2,5 e 3 anni, indipendentemente se vi è un dente cariato o no. In effetti, sarebbe meglio se la carie non ci sia ancora. La cosa peggiore è aspettare che il dente guasto causi dolore e quindi andare dal dentista. Allora il bambino è già spaventato ed in più incontra per la prima volta il dentista come persona e terapeuta. In tali situazioni la collaborazione e la capacità di fare qualcosa sono difficili e talvolta impossibili. Pertanto, sarebbe meglio portare il bambino in studio tra i 2,5-3 tre anni per farsi conoscere, per fargli vedere l’ambiente dello studio e per fargli sentire a suo agio in questo spazio, e per accettare il dentista come persona conosciuta o ancora meglio come amico. Se tali condizioni sono soddisfatte, allora la collaborazione è molto più facile, il bambino visita più facilmente il dentista e i genitori sono più soddisfatti. Con visite regolari al dentista, le problematiche sono minori, si risanano più velocemente e il bambino di solito tollera tutto con facilità.

Cura e igiene dei denti di latte

La manutenzione dell’igiene dei denti di latte dovrebbe iniziare presto, con il primo anno di vita. Attraverso il gioco si dovrebbe lavare i denti almeno 2 volte al giorno con dentifrici che contengono il fluoro. Perché il fluoro?

In più di 30 anni di ricerca sull’utilizzo di fluoro, si è concluso che esso è il mezzo più efficace per la prevenzione e la lotta contro la carie. In effetti esso funziona in diversi modi. Come primo riduce la solubilità dei tessuti dentali duri ( “rinforza” lo smalto), e come si sa nella carie avviene lo scioglimento delle struttura solida, che in questo caso è più difficile. Quando il processo di demineralizzazione è già avviato (dissoluzione dello smalto), il fluoro accelera la rimineralizzazione, rende difficile la formazione di placca, come processo iniziale che porta alla carie, e infine riduce la densità della saliva rendendola più fluida e conseguentemente risciaqua meglio e pulisce le superfici dentali.

Oltre all’utilizzo di dentifrici, in giovane età si dovrebbe iniziare con l’applicazione delle soluzioni di aminfluorido (che contiene fluoro) oppure altri prodotti con un’azione simile che esistono sul mercato. Tali soluzioni devono essere utilizzate una volta alla settimana spalmando i denti alla sera dopo la normale pulizia. Il bambino poi senza risciaquare la bocca va a dormire.

La crescita dei denti di latte

In tutto ci sono 20 denti di latte, dieci in ogni mascella. Nascono nel periodo tra i 6 mesi e i 2,5 anni di vita del bambino. Vi esporrò in breve  l’eruzione dei denti di latte, ma bisogna ricordare che questo è un processo individuale e che a volte ci sono discrepanze nella sequenza e nel tempo. Se dubitate nella mancanza e nella comparsa tardiva, chiedete il dentista che vi libererà da eventuali dubbi.

In genere tra i 4 e i 10 mesi d’età nascono i primi incisivi centrali e di solito prima quelli inferiore, poi quelli superiori. Poco dopo escono gli incisivi laterali nella stessa sequenza. Dopo una pausa di 2-3 mesi spuntano i molari inferiori, poi quelli superiori, dopo di questi appaiono  i canini e alla fine tra i 19 e 30 mesi i secondi molari di latte. Tra i denti di latte sono comunemente presenti spazi che non devono preoccuparvi. Essi sono normali ed auspicabili in quanto i denti permanenti sono più ampi di quelli di latte, e questi spazi compensano per i denti di latte più piccoli e sottili.
Dopo l’eruzione, i denti di latte dovrebbero resistere fino al ricambio con i denti permanenti un processo che inizia in genere a sei anni e dura fino all’età di dodici anni.

  Per saperne di più – Pedodonzia

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail