Loader
Corone dentali: in quali casi le facciamo e come mantenerle?
24729
post-template-default,single,single-post,postid-24729,single-format-standard,bridge-core-2.5.5,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-24.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive
krunice za zube, corone dentali

Corone dentali: in quali casi le facciamo e come mantenerle?

Dopo l’impianto, le corone in ceramica sono la soluzione più comune per la sostituzione dei denti mancanti. Per le corone dentali si usa spesso il termine “capsule”. Sono esteticamente e funzionalmente molto simili ai denti naturali.

Che cosa è la corona dentale?

La corona è una sostituzione fissa che copre l’intera superficie esterna del dente, come il rivestimento con il quale vogliamo cambiare aspetto. Poiché la corona ha un certo spessore, che dipende dal tipo di materiale, il dente deve essere preparato prima di “vestirsi”.

Quando facciamo le corone dentali?

  • In caso di gravi danneggiamenti alla corona di un dente
  • Per prevenire possibili fratture della corona dentale se la dimensione dell’otturazione supera una certa parte del dente
  • Quando si corregge la danneggiata armonia estetica dei denti con i denti e i tessuti rimanenti della cavità orale e in relazione alla loro forma, colore, posizione o dimensione

Nel caso in cui il danneggiamento alla corona del dente sia così esteso che in modo protesico solo la radice sia utilizzabile, allora prima che venga fatta la corona, il dente deve essere curato, riempito e dovrebbe essere fatta adeguata ricostruzione. La ricostruzione può essere in metallo pressofuso individualmente, realizzata da un tecnico in laboratorio o confezionata  (metallo e composito), che è un finito prodotto di fabbrica.

Indipendentemente dal tipo della ricostruzione, la fissazione viene eseguita cementando la ricostruzione nel canale del dente, seguito dalla produzione della corona. Più informazioni sui tipi delle corone leggete nel nostro blog PERCHÉ LE CORONE IN ZIRCONIO CERAMICA SONO 
LA MIGLIORE SOLUZIONE PER LA SOSTITUZIONE DEI DENTI?

Durata e manutenzione

È un’idea sbagliata che una volta fatta la corona durerà per sempre. Sebbene la sua durata stimata sia di 15-20 anni, alcune abitudini possono abbreviarla un po’. Prima di tutto, come con tutte le altre sostituzioni dei denti, l’igiene orale è fondamentale. Con una regolare e corretta spazzolatura dei denti e con regolari controlli preventivi, è possibile prolungare la durata della corona.

Cattive abitudini come mangiarsi le unghie o alcuni oggetti e il bruxismo (digrignamento dei denti durante la notte) possono causare la rottura della corona a causa di una forza eccessiva sul dente.

La carie non può raggiungere la corona, ma può danneggiare il dente sotto la corona. Esistono due modi per risolvere questo problema. Il primo è la rimozione della corona e il trattamento del dente, e il secondo è la limazione della corona per raggiungere la fonte dell’infiammazione. In caso di infiammazione, è importante rispondere rapidamente e visitare il dentista in modo che il problema possa essere rilevato e risolto il più presto possibile. Contattate il dentista se sentite che la corona dondola, se c’è una forte sensibilità del dente, se appare un sapore o un odore sgradevole nel posto della corona o se c’è gonfiore.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail