Infiammazione delle gengive e come prevenirla | Smile Studio
23826
post-template-default,single,single-post,postid-23826,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Infiammazione delle gengive e come prevenirla

Upala zubnom mesa - gingivitis

Infiammazione delle gengive e come prevenirla

Si pensa che il dente è sopportato solo con l’osso. È vero che l’osso è molto importante, ma la struttura dell’intero dente e composta di più componenti. Consiste di gengiva, sistema di fibre di supporto e cemento dentale e osseo con il nome comune – periodontale.

I cambiamenti infiammatori nelle gengive sono chiamati gengivite e se l’infiammazione colpisce strutture dentali più profonde (parodont) parliamo di parodontite.

Anche se la gengivite è una condizione reversibile (può essere facilmente curata), senza una reazione tempestiva, può portare a parodontite, che in alcuni casi  provoca una perdita dei denti.

Si ritiene che gengivite sia la più comune malattia della cavità orale da cui soffre il 95% della popolazione.

Lo sviluppo dell’infiammazione dentale viene attraverso 4 fasi:

  1. Sane componenti di sostegno dei denti – dente è saldamente collocato nell’osso e la gengiva è di colore rosa chiaro
  2. Gengivite – la creazione di placca e carie crea infiammazione delle gengive a causa della riproduzione batterica. La gengiva dentale è dolorosa e rossa.
  3. Paradontite iniziale – si ritira la gengiva, si creano le „tasche“ parodontali, c’è poca perdita di tessuto osseo.
  4. Paradontite avanzata – c’è la presenza di infiammazione forte, si aumenta la perdita ossea e perdita dei denti.

 

Sintomi di infiammazione delle gengive

Se si verifica un’infiammazione, compaiono cambiamenti nel colore e nella struttura delle gengive. Da un colore rosa chiaro, diventa più rosso fino a quando non passa in un rosso scuro.

Si tratta di gonfiore e sensibilità dei denti a caldo e freddo. Inoltre, si noterà anche il sanguinamento delle gengive, che inizia con il lavaggio dei denti, con l’uso di un filo interdentale e masticando il cibo duro, mentre con lo sviluppo della malattia i sanguinamenti possono diventare spontanei.

È importante notare che nel caso del fumatore, il sanguinamento può mancare che è uno dei principali sintomi della gengivite, quindi la malattia non viene rilevata in tempo.

Se avete qualcuno di questi sintomi, vi consigliamo di contattare il vostro dentista.

 

Cause di infiammazione delle gengive

La principale causa di malattia è scarsa igiene orale. Irregolare, impropria e insufficiente pulizia dei denti porterà la formazione di placca. Si tratta di un accumulo da bianco a giallo sulla superficie del dente in cui i batteri si propagano e se non viene mantenuta un’igiene orale regolare, la placca viene mineralizzata e si forma il tartaro. I batteri producono tossine che attacca il tessuto, causa il ritiro delle gengive e crea infiammazione e deterioramento dei tessuti. Entro 24 ore vengono prodotti 4 milioni di batteri nella zona dei denti da 1 mm, e ogni giorno questo numero è raddoppiato. La placca si presenterà dapprima in luoghi difficili da raggiungere e inaccessibili che saltiamo pulendo i denti con spazzolino (l’area tra i denti). A parte la mancanza di igiene della cavità dentale, l’infiammazione della gengiva può verificarsi per una serie di altri motivi.

In certi periodi della vita, come la pubertà, la gravidanza o la menopausa, l’infiammazione delle gengive può verificarsi a causa del maggiore effetto degli ormoni che influenzano in modo in cui le gengive diventano più sensibili e facilmente ritirabili. Inoltre, la causa dell’infiammazione della gengiva può essere l’uso di determinati farmaci o otturazioni inadeguate e apparecchi ortodontici, corone o ponti fatti male.

 

Come prevenire l’infiammazione della gengive

Pulizia dei denti adeguata (movimenti circolari), mantenimento dell’igiene orale (con spazzolino due volte al giorno per 2 minuti, con attenzione ai denti e alle gengive), scelta dello spazzolino appropriato (con fibre morbide non più vecchio di 3 mesi) per prevenire la formazione della placca, carie e quindi batteri.

Oltre ai normali spazzolini, raccomandiamo l’uso di spazzolini interdentali e collutorio. Il fattore più importante nella prevenzione della malattia parodontale è la prevenzione. Consigliamo visitare il dentista due volte l’anno, perché sapete come si dice – meglio prevenire che curare.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail