Erosione dello smalto | Smile Studio
18592
post-template-default,single,single-post,postid-18592,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Erosione dello smalto

L’erosioni sui denti sono uno dei problemi in odontoiatria in aumento in tempi recenti. Cosa sono le erosioni dello smalto o erosioni dentali in genere?

L’erosione dentale è la perdita permanente di parti della struttura dentale dura causata da sostanze acide. Per la maggior parte interessa lo smalto, come il guscio esterno del dente, e nei casi più gravi può essere colpita anche la dentina (parte del dente che si trova sotto lo smalto).

Le recenti ricerche dimostrano che un numero crescente di adolescenti soffrono di erosione dentale. In oltre 40% degli adolescenti si verificano erosioni che hanno già colpito la dentina. Il problema è ancora maggiore perché la maggior parte dei genitori e degli adolescenti non riconosce il problema. Quanto grave è il problema dimostrano i risultati di studi simili fatti negli Stati Uniti dove circa il 40% degli adolescenti soffre di erosione dentale, in Inghilterra il 37% e in Australia il 57% degli adolescenti.

Le sostanze acide raggiungono la struttura del dente per mezzi esterni o interni.

Esternamente attraverso bevande acide, bevande contenenti acido citrico, succhi di frutta, Coca-Cola, lecca-lecca e sostanze simili. Queste sono le cause più comuni di erosione dentale. L’effetto erosivo è stato trovato anche in alcuni farmaci contenenti acido cloridrico.

In un gruppo separato individuerei le erosioni come conseguenza di evaporazioni di acidi industriali nelle fabbriche di batterie e prodotti chimici, e in laboratori biochimici.

Sia che si tratti di bere bevande acide o di inalazione di vapori acidi, sempre vengono maggiormente lese le superfici dei denti che sono in diretto contatto con l’acido. Queste sono principalmente le pareti frontali dei denti superiori e inferiori anteriori (incisivi e canini).

Per via interiore fino alle strutture dentali arriva l’acido intestinale. In alcuni pazienti con ulcera gastrointestinale, costipazione, esofagea e stenosi pilorica, e nelle difficoltà ormonali durante la gravidanza, possono verificarsi maggiori mobilitazioni di acido dallo stomaco. Inoltre è frequente l’erosione nelle persone che soffrono di bulimia, anche a causa di frequenti mobilitazione del contenuto gastrico. In questa forma soffrono di più i denti posteriori in entrambe le mascelle.

Inizialmente i cambiamenti dovuti all’erosione si manifestano come un elevato grado di levigatezza della superficie dei denti e perdita di brillantezza. Spesso le persone si lamentano di sensibilità agli stimoli meccanici e chimici. Nella fase successiva sulle superfici dentali avvengono diversi difetti e la sensazione di sensibilità è ancora più marcata.

Cosa fare quando si sospetta o già si notano cambiamenti erosivi?

Inanzitutto bisogna visitare il dentista, il quale dovrebbe sostituire le parti perse della struttura del dente, e discutere e determinare le possibili cause di questi fenomeni. Nel caso di erosione avvenuta per cause esterne, si dovrebbe agire e ridurre l’assunzione di sostanze acide. Se ciò non è possibile (per la natura del lavoro), allora creando strumenti che impediranno l’influenza di vapori acidi. Con un lavaggio frequente della cavità orale è anche possibile ridurre l’influenza delle sostanze acide.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail